Catalunya > Sorso 1930 2-0

Il turno infrasettimanale del campionato giovanissimi CSI dà alla partita tra il Catalunya ed il Sorso 1930 il sapore di una di quelle gare di coppa Uefa che negli anni 80 e 90 monopolizzavano i palinsesti televisivi nelle serate del mercoledì.
E, come molte di quelle epiche partite,anche questa ha riservato agli spettatori presenti in tribuna molte emozioni ed un calcio libero da tatticismi esasperati ma ricco di corsa e fantasia.

La partita tra i gialli di casa e gli ospiti biancazzurri si è mantenuta sul filo dell’equilibrio per tutto il primo tempo, dove il Catalunya si è presentato più volte nell’area di rigore avversaria senza mai trovare lo spiraglio giusto ed il Sorso ha cercato di costruire le azione privilegiando un palleggio prolungato e le conclusioni dalla lunga distanza.

Netta è stata l’impressione che solo una grande giocata individuale avrebbe potuto rompere l’equilibrio e permettere al Catalunya di raccogliere i frutti di una pressione costante ai limiti dell’area avversaria. Ci ha pensato Davide Mura con un siluro da 25 metri a sbloccare la situazione. Immediatamente dopo Marco Catogno si insinua bene in area e con un esterno destro di precisione trasforma in gol l’assist di Fabrizio Peretto, vera spina nel fianco degli avversari.

Il Sorso cerca la reazione ma il Catalunya di oggi, a parte qualche lieve sbavatura, sembra davvero imperforabile.

La partita termina sul risultato all’inglese a favore dei ragazzi algheresi che adesso sono attesi dal probante impegno di sabato contro la San Paolo, sul sintetico di Carbonazzi.