Catalunya Alghero – J.A. Sardegna > 3 – 2

Per la 3ª giornata di campionato il manto sintetico dell’ “Agostino Cattaldi” di Santa Maria la Palma ospita la partita tra le due grandi protagoniste dello scorso campionato provinciale esordienti CSI.

Si contendono i 3 punti in palio Catalunya e Juventus Academy, che dopo aver dato vita ad un lunghissimo duello per aggiudicarsi il titolo di campione provinciale 2013/14, sono nuovamente “avversari” in un campionato più blasonato e difficile.

Era il 20 giugno quando, nel caldissimo campo della Brigata Sassari, bianconeri e giallorossi si sono affrontati per l’ultima volta.

Furono proprio gli algheresi ad aver la meglio in una partita ormai inutile, in quanto gli avversari avevano conquistato matematicamente il titolo con una giornata di anticipo.

Ma adesso si è aperto un nuovo capitolo e ognuna delle due squadre vuole ben figurare al cospetto dei propri mister.

Gianfranco Pisano è costretto, per la terza volta consecutiva, ad inventarsi una formazione, a causa degli infortuni e delle indisposizioni che sembrano non avere mai fine.

L’intera dorsale della squadra è rivoluzionata rispetto alla scorsa domenica.
Ed in effetti le difficoltà non tardano a manifestarsi.

I difensori vanno sovente in affanno di fronte agli attacchi pungenti dei bianconeri. Giomaria Carboni appare inizialmente spaesato e non riesce a prendere le misure al proprio avversario, un peperino tutto velocità e tecnica, che si presenta davanti a Lorenzo Delrio e lo beffa con un bel pallonetto.

Il Catalunya prova a reagire, ma i ragazzi sembrano stranamente abulici e distratti. Da un calcio d’angolo a favore nasce l’incredibile raddoppio della Juventus Academy che, con una ripartenza fulminante mette in condizione il proprio numero 10 di battere per la seconda volta Lorenzo Delrio.

I giallorossi, nella ormai classica tenuta all black, vanno in confusione e le occasioni per gli avversari si moltiplicano.

Nell’intervallo mister Pisano corre ai ripari ed effettua tre cambi contemporaneamente. La squadra ne trae immediatamente beneficio. Filippo Caneo prende la fascia di capitano ed incita i compagni.

Gli attacchi verso la porta avversaria sono più ficcanti e proprio in una di queste azioni Jacopo Tilocca accorcia le distanze con un tiro sul primo palo. Il Catalunya si trasforma ed il pubblico assiste a dieci minuti pirotecnici.

Daniele Cataldi trova il pareggio su un’incornata da bomber vero su un assist delizioso di Federico Piras.

Lo stesso Daniele Cataldi sforna un assist da consumato numero 10 e consente a Jacopo Tilocca di segnare la sua doppietta.
Incredibile, una disfatta ormai sicura si sta trasformando in un trionfo insperato.

I bianconeri non ci stanno, si gettano all’attacco e sfiorano il pareggio con un diagonale beffardo.

I giocatori di casa stringono i denti e portano a casa un risultato che alla fine del primo tempo neppure i più accesi sostenitori avrebbero pronosticato.

Un bravo a tutti i protagonisti della partita, vincitori e vinti, per lo spettacolo offerto al pubblico. Una particolare nota di merito a Filippo Caneo e Leo Riu.

Al primo perché solo fino a pochi mesi fa giocava a calcio “con le mani” essendo “il portiere“ ed oggi sta diventando un perno della squadra.

Al secondo perché dimostra, ogni giorno di più, che con grinta e voglia di arrivare ci si può confrontare, senza sfigurare, anche contro avversari più prestanti e dotati sul piano fisico.
Bravissimi, continuate così.

CATALUNYA: DELRIO – RIU – CARBONI G. – MURA – PORCU – CANEO – PIRAS – MONTI – CARBONI L. – ZIDDA – CATALDI – SOTGIU – SANNA – SOGOS – TILOCCA – PIRISI