Buon Pastore > Catalunya 1-3

Le partite di calcio dei nostri ragazze sono come le ciliegie, una tira l’altra.

Appena finito un campionato si parte subito con un altro, denominato Serigrafika Cup, che vede impegnate la bellezza di 15 squadre. Quindi, cari genitori, niente fine settimana liberi da qui all’eternità!

Il primo avversario per i white-boys è la Buon Pastore/Fulgor, squadra composta da ragazzi che – dopo tanta gavetta nei campi più piccoli – proprio in questa occasione fanno il loro debutto nel calcio a 11. Benvenuti!

Tante defezioni tra i ragazzi 2003 costringono il mister a pescare a piene mani dal vivaio e per l’occasione è chiamato a debuttare nel team 2003 anche il prode Gabriel Lodi Rizzini.

A casa, fermati da malanni vari, rimangono invece il Re Leone Gabriele, Lo Straniero di Mara Matteo, Lady Kadija ed Il Peg. Di rilevante importanza (forse è più giusta la parola peso) anche l’assenza dell’imprescindibile jolly Kevin da Mara.

Ma torniamo ai presenti.

La partita inizia subito con una sorpresissima! Dopo aver preso parte a tutta la fase di riscaldamento prepartita, Fabiano è costretto (!!!!) a lasciare il posto allo scalpitante Andrea.

Il match ha quindi inizio e subito presenta molte più difficoltà del previsto.

I celesti-amaranto della Buon Pastore/Fulgor (cari ragazzi decidetevi: o celesti o amaranto, o Buon Pastore o Fulgor. Ajò!!!) partono con il motore già ben carburato mentre i nostri dimostrano di avere qualche pistone grippato. Il centrocampo porta troppo la palla e la difesa è un pochino distratta.

Per fortuna il nostro SuperAle Caria sa farsi trovare prontissimo e devia in angolo una insidiosissima conclusione dei celesti (o amaranto per chi preferisce). In un altro paio di occasioni è invece rapidissimo nelle uscite fuori area per sventare di piede le avanzate avversarie.

Stremato dai cigolii del motore catalano l’esperto di meccanica mister Ibba manda in campo Davide munito di varie bombolette di spray lubrificante da aspergere sui compagni e finalmente i meccanismi iniziano a girare come si deve. Gabriel Lodi Rizzini (un altro indeciso!) entra pian piano in sintonia con i nuovi compagni e dietro anche Mauro (orfano del suo gemello del Non Gol, Matteo) va via via trovando l’intesa con Francesco M.

Subito arrivano anche le occasioni da gol e subito, naturalmente, vengono gettate alle ortiche. Prima PanzerMiki e poi la Freccia Catalana Andrea mancano due facili occasioni; poi però sanno farsi perdonare realizzando le due reti che determinano il risultato del primo tempo.

Andrea, presentatosi tutto solo in area, dopo aver spaventato il portiere calciandogli contro una bella busta di spazzatura, sfrutta l’indecisione di quest’ultimo ed insacca con un tiro degno di questo nome.

Michele, servito da un colpo di testa di Andrea (Alleluia!), si invola prepotente alla sua maniera ed insacca con un diagonale mancino.

Il secondo tempo, che si prospettava più tranquillo, segue invece lo stesso canovaccio del primo. Sono ancora gli altri a partire più forte ed ancora una volta Alessandro Caria è chiamato a fare sfoggio di tutta la sua atleticità con una paratona in tuffo plastico (ah se solo lo avesse visto Zia Franca: bonus doccia prolungata per tutto l’anno!).

Pochi minuti dopo però la partita ritorna in bilico. Una conclusione dalla distanza, causa zolla di terra che si trovava lì dove non doveva essere, beffa il nostro portiere ed il punteggio è ora Catalunya 2 – BP/F 1.

I Sassaresi, sospinti dal pubblico amico, si lanciano in avanti e per qualche minuto tengono in ambasce la compagine catalana. La difesa però serra i ranghi e ancora Alessandro sa farsi trovare prontissimo nelle uscite fuori area.

Arriva anche il momento di buttare nella mischia Fabiano. Il nostro Mastro Dolciaio entra con gran voglia di rivalsa e confeziona subito un paio di caramelle per i propri compagni. La prima non viene digerita dai colleghi d’attacco; la seconda, invece, trova il pieno apprezzamento di Stefano che, con una incornata da pochi passi, trasforma l’assist nella rete del 3 a 1.

Da lì in avanti i ragazzi ritornano ad avere il pieno controllo della partita e solo la sfortuna gli impedisce di arrotondare il punteggio.
Claudio, prontissimo a deviare in rete un cross del compagno, viene anticipato all’ultimo istante da un difensore. Thomas, seminata in dribbling mezza squadra avversaria, arriva al momento di calciare in porta che non ha più le forze e la sua conclusione termina al lato. Elia, capace di un pressing asfissiante su ogni avversario, non è fortunato nelle sue incursioni in area. Ale Riu (spettacolare, nel primo tempo, un suo stop a seguire col tacco) vede una sua conclusione dal calcio d’angolo terminare sul palo dopo una deviazione del portiere.

La partita termina con l’applauso alle due squadre ed un complimento ai ragazzi di casa che, seppur sconfitti, hanno comunque fatto un positivo esordio nel calcio a 11.

Avrebbe meritato un applauso anche la nostra Anna che, lasciata sola soletta dalle altre mamme, si è sobbarcata sulle sue spalle sia il compito di informare le altre MammeUltras sull’andamento della partita, sia l’onere di non far sentire la mancanza del tifo femminile ai nostri Boys.

Messa in archivio la prima partita non c’è nemmeno il tempo di riposare. Un giorno di riposo e subito arriva la seconda giornata di campionato; d’altronde ve lo avevo detto che le partite sono come le ciliegie. Una tira l’altra.

Catalunya: Alessandro C, Mauro, Davide, Francesco M, Ivan, Thomas, Francesco I, Alessandro R, Gabriel, Andrea, Fabiano, Michele, Elias, Claudio, Daniele, Stefano.